Rivoluzione della spesa online

“L’innovazione ha bisogno di essere parte della tua cultura. I clienti si stanno trasformando più velocemente di quanto facciamo noi, e se non li raggiungiamo, siamo nei guai”.
– Ian Schafer

Cosa è cambiato a seguito del lockdown nel settore della somministrazione alimentare? Con la chiusura di bar e ristoranti e con le limitazioni imposte alle nostre relazioni, abbiamo concentrato sempre di più la nostra vita sociale nel mondo digitale. Inizialmente siamo stati costretti a cucinare da soli, ma, nel frattempo, anche fare la spesa è diventato complicato, con file chilometriche ai supermercati e lunghi tempi di attesa.
Ci sono poi i ristoranti, i bar, le gelaterie che sono stati costretti a chiudere al pubblico. Ma non ha chiuso del tutto chi aveva già avviato soluzioni di asporto o è stato in grado di convertirsi rapidamente a questa forma di vendita a distanza.
Man mano ci siamo resi conto che la nostra vita sociale e di movimento non era destinata a migliorare nell’immediato, ma per quanto riguarda il cibo sono parallelamente aumentate le proposte da consumare direttamente sulle nostre tavole a casa grazie alla vendita online.
In questo caso c’è un vantaggio, sia per i consumatori bloccati in casa, sia per i ristoratori in grado di vendere a distanza.

Nuove idee

Il mercato è in fase di rapida evoluzione.
In questi giorni chi ha saputo cogliere positivamente questo cambiamento ha deciso di reinventarsi e lo ha fatto con lo spirito giusto.
Al nord d’Italia Deliveristo, una start-up di food-tech che si occupa di collegare i ristoratori e i produttori alimentari, ha lanciato un’iniziativa brillante per aiutare i ristoranti a portare sulle nostre tavole il cibo che prima potevamo trovare solamente da loro.
A Roma e Milano sta prendendo piede il modello di vendite alimentari con utilizzo dei riders di Glovo e Deliveroo. Aumentano rapidamente diverse applicazioni per portare a casa nostra il vino, la carne fresca, verdure e piatti già pronti.
A Roma nascono delle alleanze tra agricoltori e gruppi d’acquisto portandoci sempre più prodotti a chilometri zero.

Cambia il modo di fare la spesa

Ci sono molte persone che non si possono permettere di fare la fila per ore solo per entrare nei negozi. Ecco perché si sta trasformando anche il mondo dei supermercati. Secondo uno studio pubblicato ad aprile 2020 i supermercati online guadagnano sempre di più rispetto a loro negozi fisici. Numeri incredibili con crescite imprevedibili che portano l’e-commerce dei prodotti alimentari e di largo consumo ad un livello che non era immaginabile fino allo scorso febbraio. Le visite online solo per Carrefour sono cresciute di 230% e per Conad di 218%.

È il momento giusto per vendere online

Sappiamo che lo stato di emergenza durerà ancora a lungo con misure più o meno stringenti sulla nostra libertà di movimento. È cambiato il nostro modo di comprare ed è possibile che questo cambiamento diventi permanente. Ci stiamo abituando sempre più al digitale e diventano normali le consegne frequenti a domicilio e la comodità di avere a casa cibo buono senza aver girato tutta la città o aver fatto delle lunghe file.
Al di là del modello di business digitale che abbiamo scelto per proporre i nostri prodotti, bisogna sempre ricordare che dall’altra parte dello schermo c’è una persona.
E questa persona potrebbe avere bisogno di un modo rapido e affidabile per comunicare con noi.
Non è sufficiente lanciare un e-commerce o una app che vende il cibo, bisogna fin da subito pensare anche a come gestire clienti, come dargli la possibilità di comunicare nel caso di necessità.
Bisogna fin dall’inizio offrire il servizio migliore.

Usa osTicket

“Fai girare il tuo mondo attorno al cliente e più clienti gireranno attorno a te”
– Heather Williams

osTicket è uno strumento perfetto per un’azienda che vuole crescere in fretta. È facile da usare sia per i clienti, sia per le aziende. Non servono dei tutorial per essere operativi in pochi minuti. La sua struttura di help desk è simile alla gestione delle mail a cui siamo tutti abituati, ma con un livello di controllo dei flussi che lo rende uno strumento decisamente migliore.
In più, osTicket è un prodotto scalabile. Può essere gestito da una persona, ma anche da centinaia e in ogni caso nessuna richiesta dei clienti andrà mai persa.

Vuoi saperne di più?
Corriere.it
Foodandsoon.com
Repubblica.it
Avvenire.it

Pubblicato da   |   24 Aprile 2020   |   osTicket   |   Tags: , , ,